1 Marzo 2000


archivio: AMERICA'S CUP


4 regata

Tattica Suicida

Black Magic non lascia alcuna possibilita`, ma Bertelli accusa l'equipaggio, mentre tramonta il sogno di Luna Rossa

img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
La partenza
Real Video - 4198319 bytes - download
La prima boa
Real Video - 2759162 bytes - download
L'arrivo
Real Video - 2144719 bytes - download
L'intera regata dal computer
Real Video - 1656593 bytes - download
Il commento di Pelaschier
Real Video - 349974 bytes - download
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
img

Auckland (Nuova Zelanda), 1 marzo 2000

"Una tattica suicida ha regalato la regata al Team New Zealand nel giorno del compleanno di Russell Coutts, in una giornata con condizioni di vento favorevoli a Luna Rossa, che ha dimostrato di avere velocita' uguale se non superiore a Nzl60".

Questa la pesante dichiarazione nei confronti dell'equipaggio, che Patrizio Bertelli ha fatto su un comunicato distribuito ai giornalisti nella base del Team Prada poco dopo la fine della regata che ha dato il 4-0 ai neozelandesi nella 30 edizione della Coppa America.

E', pero`, durato solo pochi minuti il vantaggio di Luna Rossa contro Black Magic, quando al terzo incrocio della prima bolina e' passata davanti ai neozelandesi, ma non ha virato subito per coprirli, consentendo loro di conquistare il lato destro del campo dove c'era piu' vento.

Da quel momento si e' ripetuto il film gia' visto nelle tre regate precedenti, con Black Magic davanti a guadagnare metro su metro e Luna Rossa dietro ad arrancare senza speranza.

Russell Coutts festeggia cosi' il suo trentottesimo compleanno con questa quarta vittoria che, di fatto, ormai consegna la Coppa ai neozelandesi.

I kiwi, dopo averla inseguita dal 1987, l'hanno conquistata nel 1995 a San Diego e la stanno difendendo con successo ad Auckland.

Ormai manca solo una regata alla vittoria, domani e' previsto vento da 20 a 25 nodi e Auckland si prepara a festeggiare nel week-end una vittoria nazionale che ripaga gli sportivi locali della vergogna della eliminazione degli All Blacks ai mondiali di rugby.

Le voci secondo cui Russell Coutts avrebbe lasciato vincere almeno una regata agli italiani, messa in giro da qualche buonista che conosce poco l'atteggiamento con cui gli anglosassoni affrontano lo sport, sono state smentite fin dall'inizio, quando i kiwi hanno deciso di usare una vela speciale, la zero code, per sfuggire agli attacchi di De Angelis.

Con la vittoria di oggi Coutts entra nella storia della Coppa America, perche' eguaglia il record dell'americano Charlie Barr che tra il 1899 e il 1903, con Columbia e Reliance, difese con successo per tre volte la coppa per il New York Yacht Club vincendo sempre 3-0 contro gli Shamrock di Thomas Lipton. Nove vittorie consecutive per Coutts che domani potrebbe diventare il primo a vincere dieci regate di seguito.

Anche oggi il film della regata e' deprimente: nel pre partenza Coutts rifiuta il confronto con De Angelis, si allontana da Luna Rossa e parte a sinistra. Luna Rossa vuole la destra, resta a centrocampo, parte un po' indietro ma guadagna virando subito verso destra.

Black Magic torna verso l'avversario e per tre volte le barche vanno all'incrocio: anche se i kiwi hanno un po' di vantaggio, non e' abbastanza per passare davanti a Luna Rossa.

Il vento e' variabile, a volte e' avanti uno a volte l'altro. Coutts, pero`, rompe gli indugi e al terzo incrocio poggia e passa a poppa di Luna Rossa, che, incredibilmente non va a coprire e gli regala il lato destro del campo. Fine della storia. Da quel momento Black Magic e' imprendibile e copre ogni mossa di Luna Rossa.

Alla 1 boa il vantaggio e' di 45", che cala a 39" alla 2, cresce a 1'39" alla 3, un 1'46" alla 4, un 1'30" alla 5 e alla fine Black Magic vince con 1'49" su Luna Rossa.

"Domani ce la metteremo tutta".
E' un Francesco De Angelis piuttosto depresso, dopo la quarta sconfitta con Black Magic, a rispondere che domani l'equipaggio italiano si impegnera' al massimo per quella che potrebbe essere l'ultima regata della sua esperienza in Coppa America. "Domani," ha detto De Angelis , "dobbiamo correre meglio di oggi".

Al cronista che gli chiedeva perche' Luna Rossa non fosse andata a coprire sulla destra i neozelandesi, De Angelis ha risposto che "avevamo la certezza che il vento fosse girato a sinistra e per questo abbiamo scelto di andare da quella parte".

Infine gli e' stato chiesto se la lunga pausa dopo la regata precedente avesse influito negativamente sulla concentrazione dell'equipaggio e De Angelis ha risposto: "certo avremmo voluto correre nei giorni precedenti ma questo non importa".

Domani un'altra puntata, forse l'ultima.


RaiSport

Copyright RaiSport
A cura di ...

Red. Internet RaiSport
Scrivi a RaiSport