Web RAISport - Agenzia Multimediale
Archivio: EUROBASKET 97Articolo pubblicato il 6 Luglio 1997 alle ore 23:34

Finale
Italia, peccato!
La Jugoslavia batte gli azzurri 61-49

img
Jugoslavia campione d'Europa
Le ultime fasi commentate da Franco Lauro
Real Video - 717128 bytes
img
img
img
img
img
img

Barcellona, 6 luglio

  • JUGOSLAVIA: BODIROGA 14, DANILOVIC 10, OBRADOVIC, LONCAR 2, DJORDJEVIC 8, REBRACA 12, BULATOVIC 6, SAVIC 4, TOMASEVIC 2, TOPIC 3. NE: RADOSEVIC, BERIC.
  • ITALIA: COLDEBELLA 2, BONORA 2, FUCKA 12, PITTIS 3, MARCONATO 3, GALANDA, MYERS 17, MORETTI, ABBIO 6, FROSINI 4, GAY. NE: CARERA.
  • ARBITRI: JUNGEBRAND (FIN) E MAS (SPA).
  • TIRI LIBERI: JUGOSLAVIA 7/10, ITALIA 8/18.
  • USCITO PER 5 FALLI: 39'48" FUCKA.
  • TIRI DA TRE PUNTI: JUGOSLAVIA 2/8 (DANILOVIC 1/3, DJORDJEVIC 0/2, SAVIC 0/1, TOPIC 1/2); ITALIA 5/18 (FUCKA 2/2, PITTIS 0/2, MYERS 3/13, MORETTI 0/1).
  • SPETTATORI: 7.000.
  • LA JUGOSLAVIA HA BATTUTO L'ITALIA NELLA FINALE DEL CAMPIONATO EUROPEO MASCHILE DI BASKET. GLI AZZURRI HANNO CONQUISTATO UN ARGENTO CHE VALE COMUNQUE MOLTO CONTRO I FORTISSIMI CAMPIONI CONTINENTALI USCENTI E CHE SEGNA IL RITORNO AL SECONDO POSTO IN EUROPA DOPO SEI ANNI. 61 A 49 IL PUNTEGGIO CONCLUSIVO DELL'INCONTRO SUL PARQUET DI BARCELLONA.
    LA SCONFITTA CON LA JUGOSLAVIA, PREVEDIBILE, NON INTACCA IL VALORE DEL RISULTATO CHE IL BASKET ITALIANO HA OTTENUTO ALL'EUROBASKET. LA MEDAGLIA CHE PORTA A CASA E' DI UN ARGENTO PESANTE PERCHE' VIENE DOPO ANNI DI DIGIUNO DELLA NAZIONALE E DEI CLUB: IL CASUALE TRIONFO AI GIOCHI DEL MEDITERRANEO '93, IL SECONDO POSTO AI GOODWILL GAMES DEL '94 MA ANCHE LA MEDAGLIA D'ARGENTO NELL'EUROPEO CASALINGO, FIN TROPPO, DI ROMA '91, NON POTEVANO ATTENUARE BATOSTE COME LE TRE MANCATE QUALIFICAZIONI OLIMPICHE, IL NONO POSTO ALL'EUROPEO DI KARLSRUHE E, PER RESTARE AI CLUB, L' ESCLUSIONE CONTINUA DALLE FINAL FOUR DI EUROLEGA.
    L'ULTIMO RISULTATO AUTENTICO ERA STATO IL BRONZO AI CAMPIONATI CONTINENTALI DI STOCCARDA NEL 1985, QUANDO C'ERA ANCORA UN MARZORATI. STORIA ANTICA. DODICI ANNI DOPO SI 'RIVEDE LA LUCE' CON UNA SQUADRA CHE ETTORE MESSINA HA SAPUTO PLASMARE IN QUESTI QUATTRO ANNI, ANCHE FRA MOLTE CRITICHE PER SCELTE CHE NON TUTTI CONDIVIDEVANO.
    ALLA FINE HA AVUTO RAGIONE LUI: HA RIDATO ALLA NAZIONALE UN LEADER IN PITTIS, DOPO UN PERIODO DI SMARRIMENTO, HA TROVATO IL MODO DI GESTIRE MYERS, HA SCOPERTO BONORA E, SOPRATTUTTO, MARCONATO, LA RIVELAZIONE DEI CAMPIONATI. E' STATO ANCHE FORTUNATO PERCHE' GLI INFORTUNI GLI HANNO EVITATO ALTRE SCELTE CHE POTEVANO CREARE PERICOLOSI DUALISMI.
    ORA SE NE VA. PER DECISIONE SUA, SODDISFATTO. A TANJEVIC TOCCA UN'EREDITA' DIVENTATA PESANTE E AL BASKET ITALIANO, COME MOVIMENTO, IL COMPITO DI NON SCIUPARE IL PATRIMONIO MESSO DA PARTE QUI.



    Archivio News ----- Argomenti Autori Ultima ora
    ------------------------------
    [ TGS ] Copyright © 1996-97
    RAI Testata Giornalistica Sportiva
    SACIS International
    Commenti e Suggerimenti a:
    raitgs@tin.it
    Realizzato da NetLine
    [ SACIS ]