Archivio: GIRO D'ITALIA 1999
torna alla home page RAISport
Pubblicato il 19 Maggio 1999
Pubblicita`
5 tappa / Terme Luigiane-Monte Sirino 147 km

Jalabert in rosa

La 5 tappa al colombiano Gonzales, davanti a Di Luca. Pantani 4 e' a 16"

img
img
img
img
img
img
img
La cronaca della quinta tappa
Real Video - 458346 bytes - download
Le interviste
Real Video - 397277 bytes - download
img

Monte Sirino, 19 maggio 1999

Il colombiano della Kelme, Chepe Gonzalez ha vinto la 5 tappa del Giro d'Italia da Terme Luigiane a Monte Sirino di 147 km. Il protagonista della corsa e' pero' il giovane abruzzese Danilo Di Luca che negli ultimi 200 metri della salita che porta al traguardo finale, (2 gran premio della montagna) subisce lo spunto del compagno di fuga che fino a quel momento ne aveva sfruttato il lavoro.

La maglia rosa come previsto, passa sulle spalle del francese Laurent Jalabert, terzo davanti a Marco Pantani.

La quinta tappa prende il via alle 12,40. L'andatura iniziale e' intorno ai 30 km. orari. All'intergiro di Scalea sprint vincente di Cipollini sul compagno di squadra Fagnini e terzo Strazzer. Non accade niente fino al primo gran premio della montagna a Passo la Colla, dopo 85 chilometri di percorso. Vince Bettini davanti a Piccoli.

Subito dopo parte la fuga con dentro il vincitore di tappa. Vanno via in otto: Piccoli, Petacchi, Peron, Buenahora, Martin Perdighero, Arrieta, Richard e Gonzalez. Il gruppetto dei fuggitivi riesce ad avere un vantaggio superiore ai due minuti. A 27 km. dal traguardo, prima che la strada cominci a salire veramente, scattano in quattro: Richard, Gonzalez, Peron e Buena Hora.

Il gruppo comincia a frazionarsi con gli uomini che mirano alla classifica finale che inseguono i fuggitivi mentre i velocisti, tra i quali la maglia rosa Blijlevens cominciano a perdere terreno. A venticinque chilometri dal traguardo, dal gruppo degli inseguitori esce con azione di forza Danilo Di Luca che in poco tempo raggiunge i fuggitivi che intanto si e' frantumato. In testa rimangono Peron, Di Luca e Gonzalez.

A venti chilometrti dal traguardo il loro vantaggio e' di 25 secondi. E' questo il momento in cui di luca comincia a forzare: ingaggia un duello con il colombiano Gonzalez mentre cede Peron. A cinque chilometri dal traguardo i due di testa hanno 45 secondi di vantaggio, margine che sfuma progressivamente. Gonzalez prova a forzare e Di Luca risponde sempre con prontezza ma il gruppo dei migliori e' ormai alle loro spalle, a 1 km. dall'arrivo la coppia ha solo 12 secondi di vantaggio, ai seicento metri finali lo scatto del colombiano lascia sui pedali di luca ma l'abruzzese, con orgoglio non molla e riesce ugualmente a conquistare il secondo posto proprio mentre Jalabert piomba sul traguardo precedendo Pantani.

Ordine d'arrivo

1  Chepe Gonzales  (Kelme)  in 4h11'47" (media 35,050km/h)
2  Danilo Di Luca      ITA        a 5" 
3  Laurent Jalabert    FRA        a 6" 
4  Marco Pantani       ITA        s.t. 
5  Ivan Gotti          ITA        s.t. 
6  Paolo Savoldelli    ITA        s.t. 
7  Dario Frigo         ITA        s.t. 
8  Davide Rebellin     ITA        a 8" 
9  Gilberto Simoni     ITA        a 9" 
10 Oscar Camenzind     SVI      a  16" 

Classifica generale

1 Laurent Jalabert    FRA           
2 Danilo Di Luca      ITA      a    7"
3 Davide Rebellin     ITA      a   14"
4 Paolo Savoldelli    ITA      a   16"
5 Marco Pantani       ITA        s.t. 
6 Dario Frigo         ITA        s.t. 
7 Ivan Gotti          ITA        s.t. 
8 Gilberto Simoni     ITA      a   19"

Classifica a punti (maglia ciclamino)

1) Jeroen Blijlevens (Ola-Tvm) 69 Punti
2) Mario Cipollini (Ita) 47
3) Ivan Quaranta (Ita) 37

Classifica del Gran Premio della montagna (Maglia Verde):

1) Paolo Bettini (Ita-Mapei) 14 Punti
2) Danilo Di Luca (Ita) 5
3) Mariano Piccoli (Ita) 5

Classifica Intergiro (Maglia Azzurra):

1) Matteo Tosatto (Ita-Ballan)
2) Massimo Strazzer (Ita) A 3"
3) Biagio Conte (Ita) A 5"


RaiSport

archivio news argomenti autori ultima ora cerca
RAISport Copyright 1996-99 RAISPORT
A cura di...
Redazione Internet RaiSport
Commenti a RAI@Sport
RAI