Archivio: GIRO D'ITALIA 1999
torna alla home page RAISport
Pubblicato il 3 Luglio 1999

Donne: la 4 tappa

img
img
img
img
img
img

Umbertide, 3 luglio 1999

Ancora una volta il vento dell'est soffia irresistibile sul Giro delle donne: per la terza volta in quattro tappe e' stata un'atleta della Accadue O-Lorena ad aggiudicarsi il successo. Il colpo vincente e' riuscito alla russa di origini uzbeke Zulfia Zabirova che a due chilometri dalla conclusione ha sfruttato il lavoro di copertura delle compagne e ha tagliato da sola il traguardo.

"Continuiamo ad andare d'accordo all'interno della squadra - ha poi spiegato - decidendo ogni giorno chi puo' puntare alla vittoria e chi lavorera' in appoggio. Oggi e' toccato a me: non ho avuto difficolta' e sono felice per il mio primo successo al giro d'italia". Per la Zabirova, oro olimpico a cronometro ad Atlanta '96, e argento ai mondiali di specialita' lo scorso anno a Valkenburg, si e' trattato del quinto successo stagionale, il 38 per il suo team. Zita Urbonaite conserva la maglia rosa ma, per sua stessa ammissione, sara' prontissima a cedere il primato alla sua capitana Edita Pucinskaite.

Delusione invece per Nada Cristofoli, l'italiana piu' brillante in questo scorcio iniziale di Giro: con la squadra decimata, ha colto un secondo posto in volata. "Eravamo soltanto in due davanti - ha detto la friulana - non potevo fare di piu' per rincorrere la Zabirova. E' un anno sfortunato per me in cui ho gia' incassato ben 5 secondi posti". L'unico allungo significativo della giornata, prima dell'acuto vincente della Zabirova, lo aveva compiuto la lituana Stauhrskaya, vincitrice della frazione di ieri e altra punta dell'Accadueo: 15 chilometri di fuga con un vantaggio massimo di 50".

Fabiana Luperini, che si dice in recupero dopo la stanchezza dei giorni iniziali (senza pero' mostrare la grinta abituale) avra' domani a disposizione il primo test per tentare di uscire dalla morsa della formazione che monopolizza la gara: i 113 chilometri che vanno da cascina a Buti-Monte Serra. Sono strade che lei conosce alla perfezione e che offriranno il gran premio della montagna di Prato a Ceragiola, di prima categoria, cioe' la durissima ascesa di Sant'Andrea di compito, tra l'altro affrontata dal versante piu' impegnativo.

"Sul Monte Serra non mi fermero' di certo" si e' limitata a dire la campionessa. Ma e' certo che domani dara' battaglia.


L'ordine d'arrivo

1)  Zulfia Zabirova (Rus) in 2h54'33"  38,774 km/h
2)  Nada Cristofoli (Ita)       a 4"
3)  Sara Felloni (Ita)          s.t.
4)  Gulnara Ivanova (Rus)       s.t.
5)  Vera Hohlfeld (Ger)         s.t.
6)  Priska Doppmann (Svi)       s.t.
7)  Tatiana Stiajkina (Ukr)     s.t.
8)  Oksana Saprykina (Ukr)      s.t.
9)  Natalja Kishchuk (Ukr)      s.t.
10) Svetlana Boubnenkrva (Rus)  s.t.

Classifica Generale

1) Zita Urbonaite (Ltu) in 11h45'4"  37,767 km/h
2) Priska Doppmann (Svi)       s.t.
3) Luisiana Pegoraro (Ita)     s.t.
4) Zinaida Stauhrskaya (Bkr)   a 48"
5) Nada Cristofoli (Ita)       a 50"
6) Sara Felloni (Ita)          s.t.
7) Iksana Saprykina (Ucr)      s.t.
8) Vera Hohlfeld (Ger)         s.t.
9) Gulnara Ivanova (Rus)       s.t.
10) Svetlana Boubnenkova (Rus) s.t.


RaiSport

archivio news argomenti autori ultima ora cerca
RAISport Copyright 1996-99 RAISPORT
Per la pubblicità...
Redazione Internet RaiSport
Commenti a RAI@Sport
RAI