WebRAISport News
Archivio: ROMA 2004Articolo pubblicato il 5 Settembre 1997 alle ore 19:19

Atene 2004
Roma battuta per 15 voti nel ballottaggio finale

img
Il presidente del CIO
img
L'apertura della busta
img
La gioia dello staff greco
img
Grande festa ad Atene
L'annuncio del presidente del CIO Samaranch
Real Video - 188546 bytes
Il servizio di Marco Civoli
Real Video - 206332 bytes
Le interviste a Rutelli e Veltroni
Real Audio - 96653 bytes
img

Losanna, 5 settembre

A TENE OSPITERA' I GIOCHI OLIMPICI DEL 2004. L'ANNUNCIO IN MONDOVISIONE E' STATO DATO DAL PRESIDENTE DEL CIO, JUAN ANTONIO SAMARANCH. ATENE HA BATTUTO LA CONCORRENZA DI ROMA, CITTA' DEL CAPO, BUENOS AIRES E STOCCOLMA.
ALLA VOTAZIONE DI BALLOTTAGGIO, ATENE HA OTTENUTO 66 VOTI, CONTRO I 41 DI ROMA. LA PRIMA CANDIDATA A ESSERE 'ELIMINATA' NELLA PRIMA VOTAZIONE E' STATA BUENOS AIRES (ANDATA AL 'BARRAGE' CON CITTA' DEL CAPO). POI, AL SECONDO VOTO, E' 'USCITA' STOCCOLMA. LA TERZA VOTAZIONE E' STATA FATALE A CITTA' DEL CAPO. QUINDI, LA FINALE CON LA VITTORIA DELLA CAPITALE GRECA SULLA CITTA' ETERNA
I CLACSON DELLE AUTOMOBILI HANNO COMINCIATO A SUONARE PER LE VIE DI ATENE, SUBITO DOPO L'ANNUNCIO DELL'ASSEGNAZIONE DEI GIOCHI. LE CENTINAIA DI PERSONE RIUNITESI DAVANTI AL PALAZZO DELLO ZAPPIO, IN UN' ATMOSFERA DISTESA E ALLEGRA, HANNO COMINCIATO A GRIDARE 'ELLAS (GRECIA)', SALUTANDO CON ENTUSIASMO LA DECISIONE DEL CIO A LOSANNA.
DOPO SEI MESI, ROMA HA CONOSCIUTO L'AMARO VERDETTO. IL CIO HA ASSEGNATO LE OLIMPIADI DEL 2004 AD ATENE E LA CANDIDATA ITALIANA HA CHIUSO LA SUA CORSA FATTA DI PROMOZIONE, INCONTRI E SACRIFICI ECONOMICI. IL BUDGET DI ROMA E' STATO - ASSICURANO I TESORIERI DEL COMITATO PROMOTORE - IL PIU' BASSO TRA QUELLO DELLE CINQUE CITTA' CANDIDATE, TANTO CHE DA SEI MESI DIECI DELLE 25 PERSONE IMPEGNATE NELL'AVVENTURA SI SONO AUTORIDOTTE LO STIPENDIO PER ALLEVIARE IL PESO DELLE SPESE. SI E' TRATTATO DI UN TAGLIO DEL 20%, CON UN RISPARMIO FINALE DI CIRCA 300 MILIONI. FUORI DA QUESTA AUTORIDUZIONE SONO RIMASTI, DA MARZO A OGGI, LE 15 PERSONE CON CONTRATTI NON DIPENDENTI, E STIPENDI CHE PARTIVANO DA UN MILIONE E MEZZO AL MESE. DISCORSO A PARTE PER LO STIPENDIO DEL DIRETTORE GENERALE RAFFAELE RANUCCI CHE ALL'ASSUNZIONE DELLA SUA CARICA RINUNCIO' AI 250 MILIONI SPETTANTIGLI PER DESTINARLI AL RESTAURO DEL TEMPIO DI VESTA.
IL BILANCIO DI ROMA 2004 SI CHIUDERA' AL 31 DICEMBRE '97, MA IL BUDGET E' STATO DI 15 MILIARDI. SOLO 2,7 SONO ARRIVATI DAI DUE COMPONENTI DELL'ASSOCIAZIONE, IL COMUNE DI ROMA E LA CAMERA DI COMMERCIO; PER IL RESTO, SONO STATI GLI SPONSOR A CONTRIBUIRE CON QUOTE MASSIME DI DUE MILIARDI CIASCUNO. ALCUNI CONTRATTI, DISCUSSI PRIMA DEGLI ULTIMI SEI MESI DI GARA OLIMPICA, SONO SALTATI ALL'ULTIMO MOMENTO. COSI' I DIRIGENTI DI ROMA 2004 SI SONO RIUNITI, HANNO PARLATO E DECISO: CI TAGLIAMO GLI STIPENDI.
ANTONIO SAMARANCH, RICONFERMATO PER ACCLAMAZIONE ALLA GUIDA DEL CIO IERI POMERIGGIO, E' IL VERO VINCITORE DELLA CORSA PER L'ASSEGNAZIONE DEI GIOCHI OLIMPICI DEL 2004. "LO SPOSTAMENTO DI VOTI IN FAVORE DI ATENE E' FRUTTO DEGLI ACCORDI DI QUESTA NOTTE. IL PRESIDENTE SUDAFRICANO NELSON MANDELA E IL PRESIDENTE DI ATENE 2004, GIANNA ANGELOPOULOS SI SONO INCONTRATI QUESTA NOTTE ED HANNO DECISO IL DESTINO DI ROMA. QUESTI ACCORDI SONO POSSIBILI SOLO SE C'E' IL CONSENSO DEI VERTICI DEL CIO", QUESTO E' IL COMMENTO DEL PRESIDENTE DEL CONI MARIO PESCANTE. "DA SPORTIVI ACCETTIAMO LA SCONFITTA E SONO CERTO CHE ATENE ORGANIZZERA' DELLE MAGNIFICHE OLIMPIADI", CONCLUDE PESCANTE. SAMARANCH OTTIENE DUE OBIETTIVI: PORTA I GIOCHI IN GRECIA, PROPOSITO MAI SMENTITO, E NON SCONTENTA MANDELA CHE E' IN POLE POSITION PER L'ASSEGNAZIONE DEI GIOCHI OLIMPICI DEL 2004, TENENDO CONTO CHE I PROSSIMI GIOCHI OLIMPICI INVERNALI SI DISPUTERANNO IN ASIA, E CHE QUINDI ANCHE QUESTO CONTINENTE AVRA' LE SUE OLIMPIADI.
PESCANTE, HA RICOSTRUITO LO "SPOSTAMENTO" DEI VOTI INTERPRETANDO LA DECISIONE DEI PAESI AFRICANI DI SCEGLIERE LA CITTA' ELLENICA COME UNA GARANZIA DEL FATTO CHE I GIOCHI DEL 2008 SI TERRANNO IN AFRICA. "C'ERANO DUE BLOCCHI CONTRAPPOSTI E IL NOSTRO SI BASAVA SU EUROPEI E ASIATICI. ABBIAMO PERSO MA COMUNQUE LA NOSTRA E' STATA UNA FIGURA PIU' CHE DIGNITOSA. ADESSO SO DOVE SI TERRANNO LE OLIMPIADI DEL 2008", HA DETTO PESCANTE, AGGIUNGENDO CHE IN QUALCHE MODO IL PRESIDENTE SUDAFRICANO NELSON MANDELA HA INVESTITO SUL FUTURO. IL PRESIDENTE DEL CONI PERO' NON E' RIUSCITO A SPIEGARSI COMPLETAMENTE QUALE SIA STATO IL FATTORE DETERMINANTE CHE HA COAGULATO SUDAMERICANI E SUDAFRICANI SU ATENE.
MA TRA LE CITTA' DELUSE NON C'E' OVVIAMENTE SOLO ROMA: TRENTACINQUEMILA PAIA D'OCCHI PIENI DI SPERANZA ERANO FISSI SUL GRANDE SCHERMO DOVE PASSAVANO LE IMMAGINI PROVENIENTI DA LOSANNA. QUANDO IL PRESIDENTE DEL CIO SAMARANCH HA PRONUNCIATO IL NOME DI ATENE C'E' STATO UN SECONDO DI SILENZIO E POI UN URLO DI DELUSIONE SI E' LEVATO VERSO IL CIELO GRIGIO DI STOCCOLMA. IL VECCHIO STADIO OLIMPICO DELLA CAPITALE SVEDESE, LA CUI TRIBUNA STAMPA L'8 AGOSTO ERA STATA DISTRUTTA DA UNO DEGLI ATTENTATI CHE HANNO CONTRASSEGNATO QUESTA CALDA ED INQUIETA ESTATE SVEDESE, ERA PIENO FINO ALL'INVEROSIMILE. GENTE COMUNE, INSIEME A PERSONAGGI DELLA POLITICA, DELLO SPORT E DELLO SPETTACOLO SI ERANO RIUNITI LI' PER ATTENDERE IL VERDETTO DEL CIO, SPERANDO FINO ALL'ULTIMO MOMENTO CHE A STOCCOLMA TOCCASSERO I GIOCHI OLIMPICI DEL 2004. POCHI MINUTI DOPO IL VERDETTO LO STADIO ERA VUOTO. LA GENTE SI ERA ALLONTANATA QUASI IN SILENZIO. IL PRIMO A COMMENTARE E' STATO IL VICE PRESIDENTE DEL COMITATO 'STOCCOLMA 2004' BJOERN HUNGER PER DIRE CHE I SOSTENITORI DELLA CANDIDATURA DELLA CAPITALE SVEDESE "SONO SCONTENTI PER IL RISULTATO, MA SODDISFATTI PER IL LAVORO SVOLTO.
ARGENTINA E SUDAFRICA ACCOLGONO SENZA POLEMICHE IL VERDETTO DEI DELEGATI DEL COMITATO OLIMPICO INTERNAZIONALE (CIO), FANNO GLI AUGURI AD ATENE E DANNO L'APPUNTAMENTO ALLA PROSSIMA VOLTA. PRIMA DI RIPARTIRE ALLA VOLTA DELL'ARGENTINA, IL PRESIDENTE CARLOS MENEM HA ANNUNCIATO DI AVER GIA' IMPARTITO DISPOSIZIONI AL SUO MINISTRO DEL TURISMO, FRANCISCO MAYORGA, AFFINCHE' PREPARI LA CANDIDATURA DI BUENOS AIRES AI GIOCHI DEL 2008.
"DOBBIAMO ESSERE ORGOGLIOSI CHE IL SUDAFRICA ABBIA RAGGIUNTO LA 'FINALE' -HA DETTO DA CITTA' DEL CAPO IL NUMERO DUE DEL GOVERNO DI PRETORIA, MANGOSUTHU BUTHELEZI- UNA COSA E' CERTA, LA CANDIDATURA DELL'AFRICA PER I GIOCHI OLIMPICI E' APPENA INIZIATA. FESTEGGIAMO CIO' CHE ABBIAMO FINO AD ORA RAGGIUNTO, IN ATTESA CHE COMINCI IL CONTO ALLA ROVESCIA PER LA PROSSIMA CANDIDATURA".



Archivio News ----- Argomenti Autori Ultima ora Cerca
------------------------------
[ RAI Sport ] Copyright © 1996-97
RAI SPORT
SACIS International
Commenti e Suggerimenti a:
raitgs@tin.it
Realizzato da NetLine
[ SACIS ]