WebRAISport News
Archivio: CALCIOMERCATOPubblicato il 18 Novembre 1997

Juventus
Juve: presentati i cuccioli
Zalayeta e Pellegrin, i due giovani uruguayani che vestiranno la maglia bianconera

img
Cesar Pellegrin
img
Pellegrin, Casal e Zalayeta
img
Marcelo Zalayeta
il servizio filmato
Real Video - 435922 bytes - download

Torino, 18 novembre '97

Giusto il tempo di firmare il contratto, dopo aver sostenuto le visite mediche, e i due giovani uruguayani approdati alla Juventus sono gia' pronti a partire per l'Arabia, dove la nazionale uruguayana e' impegnata in un torneo internazionale, presente anche il Brasile.
Marcelo Zalajeta, attaccante, classe '78, e Cesar Pellegrin, difensore, '79, sono stati presentati oggi nella sede della societa' bianconera. Ad accompagnarli, il procuratore Paco Casal, che ha spiegato come la Juventus, dopo la sua segnalazione di un anno fa, abbia fatto seguire i due giovani da osservatori propri, tra cui Omar Sivori, per poi affrettare i tempi e bruciare la concorrenza di club italiani ("quelli che vanno per la maggiore") e spagnoli.
Il costo dell'intera operazione sarebbe di poco inferiore ai dieci miliardi, un investimento che, secondo il direttore generale della Juventus, Luciano Moggi, dara' ottimi frutti. "Non sono venuti a rafforzare la squadra - ha detto - ma semmai il progetto del suo futuro. Escludiamo di cederli in prestito per fare esperienza: vogliamo che restino tra noi per maturare. Saranno a nostra disposizione da gennaio". Zalajeta, fisicamente, e' tutto l'opposto di Pellegrin: e' un vero gigante, longilileo ("ma forte tecnicamente anche con i piedi", assicura Casal), mentre il terzino e' di statura modesta e di aspetto massiccio.
La Juventus non avra' problemi quanto a numero di extracomunitari, poiche' Montero (uruguayano di nascita) ha passaporto spagnolo e lo stesso Pellegrin ha una nonna vicentina, e quindi ha la possibilita' di diventare italiano a tutti gli effetti in qualche mese. Sono entrambi "figli" del 'Danubio', un club di montevideo che e' una specie di incubatrice per i talenti uruguayani. Zalajeta era passato solo da un anno al Penarol, il club piu' prestigioso della capitale, segnando 18 gol nell'ultima stagione. "E' un Casiraghi piu' tecnico", specifica Paco Casal. Ma il modello calcistico di Zalajeta e' il panamense Dely Valdes (ex Cagliari), che giocava con il Penarol quando lui era adolescente. Pellegrin si rifa' invece a Montero, l'ultimo della prolifica tradizione di grandi difensori uruguayani. Il contratto con la Juventus sara' quinquennale per entrambi. A proposito di questo argomento, Moggi ha anche precisato che la politica della Juventus e' quella di prolungare i contratti in scadenza piu' imminente ('99) per i giocatori che costituiscono l'asse portante della Juventus: il discorso vale per Peruzzi, Ferrara, Deschamps, Pessotto. "Non c'e' motivo di non prolungare contratti ai giocatori bravi, seri, vincenti, proseguendo la politica di compattare il gruppo", aveva commentato in proposito Marcello Lippi in mattinata.



Archivio News ----- Argomenti Autori Ultima ora Cerca
------------------------------
[ RAI Sport ] Copyright © 1996-97
RAI SPORT
SACIS International
Commenti e Suggerimenti a:
raitgs@tin.it
Realizzato da NetLine
[ SACIS ]