14 Giugno 2000


archivio: CALCIOMERCATO


Da tifoso ad allenatore

Cosmi per Perugia

Rescisso il contratto con Mazzone, la squadra umbra si affida all'ex allenatore dell'Arezzo

img
img
img
img
img
img
img
img
img
Il servizio
Real Video - 1133158 bytes - download

Prima squadra professionistica ad andare in ritiro, sabato prossimo ad Abbadia San Salvatore, per gli impegni in Intertoto, il Perugia ha presentato oggi il suo nuovo allenatore.

E' Serse Cosmi, perugino di 42 anni, che nella passata stagione ha guidato in C1 l'Arezzo, dove e' rimasto negli ultimi cinque anni. "Sono pronto," ha detto, " e sento tutta intera la responsabilita' che mi e' stata affidata.

Con un pizzico di incoscienza, ma anche con la consapevolezza di far bene, voglio dare il mio contributo al nuovo progetto del Perugia: quello di formare una squadra di provincia giovane e motivata e che faccia corpo con i tifosi e la citta`". Cosmi ha osservato che, come tecnico, il suo primo obiettivo e' quello di "creare uno spirito di squadra, poi vengono le altre questioni".

Il nuovo tecnico del Perugia avverte "curiosita', piu' che scetticismo" attorno al suo arrivo, "ma questa," osserva, "e' una fortuna per un allenatore".

Perugino e tifoso del Perugia da sempre, Cosmi non vuol comunque essere considerato un "allenatore-tifoso", anche se, ha detto, "allenare in Serie A e' gia straordinario, figurarsi allenare la squadra della propria citta`".

Cosmi non ha parlato di moduli, ne' fatto nomi di giocatori che vorrebbe, e si e' definito un allenatore "non integralista, non legato a schemi particolari e uno cui piace giocare la partita, sia contro la neo promossa in a, sia contro la Juventus".

Cosmi e' stato presentato come "nuovo allenatore del grifo" dall'amministratore delegato della societa' Alessandro Gaucci.
Ringraziato Mazzone, con cui e' stato "amichevolmente" rescisso il contratto che scadeva nel giugno 2001, "per i risultati raggiunti nel campionato appena concluso", Gaucci ha annunciato una "nuova politica" della societa', imperniata su giovani, "che non vuol dire inesperti, ma che abbiano gia' fatto bene nei campionati professionistici italiani o in quelli esteri".
"La societa' e' al lavoro," ha proseguito, "e per l'inizio del campionato, il primo ottobre, "avremo una squadra competitiva. La rosa convocata per l'Intertoto, anche se nei prossimi giorni si aggiungera' qualche altro nome, non sara'," ha aggiunto, "quella definitiva. Questa competizione ci servira' comunque per provare nuovi giocatori. Ai tifosi dico di stare tranquilli, perche' il primo ottobre il Perugia sara' pronto".

Gaucci ha anche ricordato che l'obiettivo piu' generale della societa' e' quello di "ricreare lo spirito giusto" attorno alla squadra, quello che c'era "quando la famiglia Gaucci prese il Perugia, quello spirito del campionato dell'imbattibilita' del '78-79". In questa direzione," ha spiegato, "va anche la riduzione del prezzo degli abbonamenti, perche' vogliamo che il Curi torni ad essere luogo per le famiglie perugine che tifano per la propria squadra".


RaiSport

Copyright RaiSport
A cura di ...

Red. Internet RaiSport
Scrivi a RaiSport