14 Gennaio 2002


archivio: QUELLI CHE LO SPORT...


Scudetto nel '74 come dirigente della Lazio

E' morto Sbardella

A 72 anni si e' spenta l'ex giacchetta nera che arbitro' ai mondiali del '70

img
img
img
img
img
il servizio
Real Video - 361091 bytes - download

Roma, 14 gennaio 2002

Antonio Sbardella, 72 anni, ex arbitro internazionale di calcio e' morto questa notte a Roma dopo una lunga malattia. E' stato non solo direttore di gara in A e B, ma anche dirigente.

Negli anni '60 e '70 Antonio Sbardella e Concetto Lo Bello erano i Braschi e Collina del calcio di oggi. Due grandi arbitri, temprati pure da polemiche e discussioni che non mancavano anche allora, capaci di dar vita a una rivalita' assai enfatizzata in un paese come il nostro sempre sensibile ai dualismi. Che i due protagonisti vissero sempre con grande rispetto e correttezza.

Il top della sua carriera arbitrale, Sbardella lo raggiunse ai mondiali di Messico '70, quando diresse la finale per il terzo e quarto posto tra Uruguay e Germania, perche' gli azzurri di Valcareggi gli sbarrarono la strada della finalissima. Che sarebbe spettata di diritto al direttore di gara, premiato con il Fischietto d'Oro come miglior arbitro del torneo.

Abbandonato il campo, Sbardella intraprese la carriera dirigenziale, prima a livello di club con Lazio, Roma e Triestina, poi con la Federcalcio guidando la divisione del "Calcio a 5".

Le maggiori soddisfazioni gli vennero dal periodo trascorso in casa biancoceleste, quando insieme a Tommaso Maestrelli riusci' a costruire una Lazio irripetibile con tanti talenti irriquieti, che tenuti a bada regalarono pero' al club del presidente Lenzini lo scudetto del 1974...


Enrico Varriale

Copyright RaiSport
A cura di ...

Red. Internet RaiSport
Scrivi a RaiSport