1 Febbraio 2000


archivio: BASEBALL


Razzismo, ignoranza e sport

Lezioni di tolleranza

Il giocatore John Rocker sospeso, multato e obligato a seguire corsi di tolleranza per insulti razzisti

img
img

Atlanta, Usa, 1 febbraio 2000

La commissione federale per il baseball ha sospeso dal gioco per tre mesi il lanciatore dei 'Braves' di Atlanta, John Rocker, a causa degli insulti da lui lanciati in un'intervista contro neri, malati di aids e immigrati.

Rocker, che all'inizio del mese era stato sottoposto, per ordine della stessa commissione, a una perizia psichiatrica, e' stato anche condannato a pagare una multa (per una cifra non precisata) e di frequentare lezioni di tolleranza.

"Il signor Rocker deve capire che le sue dichiarazioni hanno offeso praticamente tutti nella societa' e hanno arrecato disonore a lui stesso, ai Braves di Atlanta e al campionato di baseball", ha detto Bud Selig, commissario della lega federale.

"L'esempio negativo di Rocker non trova posto nel gioco del baseball. e' infatti una violazione dell'unita' sociale, cardine del nostro sport", ha aggiunto Selig.

In uno sfogo contro la citta' di New York pubblicato dalla rivista "Sports Illustrated", Rocker si era lasciato fuggire una serie di dichiarazioni razziste e xenofobe.

"Non sono un grande tifoso degli stranieri", ha detto tra l'altro nell'intervista in questione. "A Times Square, nel centro di New York, e' possibile fare il giro di un intero isolato senza sentire parlare in inglese. Ci sono troppi asiatici, coreani, vietnamiti, indiani, russi e ispanici. Come cavolo sono riusciti ad entrare tutti nel paese"?


RaiSport

Copyright RaiSport
A cura di ...

Red. Internet RaiSport
Scrivi a RaiSport