11 Aprile 2002


archivio: BASKET


Eurolega

Kinder qualificata

Eurolega: la Scavolini e' fuori, la Skipper deve sperare in un miracolo nell'ultimo turno

img


Nonostante la prima sconfitta casalinga in Eurolega e una delle peggiori partite dell'anno, la Kinder si e' qualificata per la Final four, in programma proprio al palasport di Casalecchio il 3-5 maggio.

La Virtus non ha mai avuto mira (40% dal campo) e nel finale e' andata sotto di brutto (62-80 al 38'), ma il +28 raccolto in Spagna era una sicurezza.
Bologna e' stata decente solo nel primo tempo, poi ha dovuto lottare per non affondare. Il Real, dopo aver sempre inseguito, ha chiuso infatti davanti il primo tempo (38-40), suo primo vantaggio: gli spagnoli avevano tirato decisamente meglio (56% contro 41%), pure perche' la Kinder aveva avuto mira solo nelle triple (6/10), ma aveva sbagliato rigori da sotto (9/27).
Bologna aveva avuto l'unica prima fiammata, in apertura di secondo quarto, arrivando sul 33-20 dopo 13'37": time out Real dopo che Smodis aveva schiacciato al volo un assist volante di Ginobili.
Nella ripresa c' e' stato tanto Real, subito avanti con una raffica di Attruia, il migliore (19 punti con 8/10 dal campo), fino ai massimi vantaggi dell' ultimo quarto, pauroso per la Virtus: li' ha segnato 4 punti in 6'30" (tirando con 3/13), sprofondando sul 59-76. l' ha salvata Jaric, forse l' unico sufficiente: 20 punti, con 8/10 da due, e 4 assist. Bologna e' andata male anche a rimbalzo (41-29), dove gli spagnoli hanno avuto Struelens (9) e Hernandez (11).
Per la Virtus e' la terza Final four di Eurolega (Barcellona '98 e Monaco '99), oltre alla finale (su cinque partite) dell'anno scorso contro il Tau Vitoria.

Pesaro fuori dalla Final four e Skipper quasi, dopo il successo dei bolognesi in casa della Scavolini. Il 71-90 di stasera da’ qualche barlume di speranza per la Skipper, che nell'ultimo turno dovrebbe battere Treviso e sperare in un miracolo della Scavolini a Barcellona.
Sono gli ospiti ad uscire alla distanza - spinti da un Goldwire (24 punti) sempre presente nei momenti decisivi della gara - quando la Scavolini ha esaurito ogni risorsa fisica e mentale. Pesaro registra percentuali disastrose al tiro (32 %), specie dal perimetro (un incredibile 9/36) per la cattiva serata di Middleton e Beric e resta a galla per meta' partita grazie ai lampi di Maggioli e Pecile.
Sull'altro fronte la difesa e' stata il primo tassello del successo bolognese: Kovacic, Fucka e Marcelic hanno costruito una barriera insormontabile contro la quale si sono vanamente infranti Blair e Tusek.
Senza la regia di Booker, la Scavolini e' andata lentamente spegnendosi, dopo aver cercato di recuperare ogni strappo dei bolognesi (19-26 all' 11' e poi 34-43 al 18'). Nel terzo tempo prima Pecile (46 pari al 22') e poi Blair (52-50 al 25') sembravano poter dare qualche speranza ai marchigiani, ma l'inarrestabile Goldwire spianava di nuovo la strada alla Skipper. I bolognesi completavano la loro supremazia dominando l'ultimo quarto, con Pesaro ormai in ginocchio e incapace di reagire.


RaiSport

Copyright © RaiSport
A cura di ...

Red. Internet RaiSport
Scrivi a RaiSport