25 Luglio 2000


archivio: CALCIO


Il Napoli in ritiro

Capitolo mai aperto

Zeman, conferma che non c'e` posto per Baggio nel nuovo Napoli

img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
L'intervista a Zeman
Real Video - 1350857 bytes - download

Brusson, Aosta, 25 luglio 2000

"Roberto Baggio? E' uno dei maggiori talenti in circolazione, ma il Napoli ha altri programmi. Lo stimo molto, puo' giocare in qualsiasi squadra; il Napoli era partito con altri obiettivi e bisogna rispettarli. Il capitolo Baggio per me non e' chiuso, semplicemente perche' non si era mai aperto".

Zdenek Zeman chiarisce cosi', una volta per tutte ai microfoni di Raisport, che Baggio si puo' scordare la maglia azzurra, nonostante in societa' ci sia chi, come il vicepresidente Clemente Mastella, apprezzerebbe l'arrivo del campione sotto il Vesuvio.

"Non mi hanno affatto dato fastidio le sue parole," precisa Zeman, "ognuno puo' dire cio' che vuole dal proprio punto di vista".

Ma il Napoli se lo potrebbe comunque permettere, finanziariamente, Roberto Baggio? "Ho gia' detto che il Napoli non se lo potrebbe permettere a livello di programmazione. in questo momento ha altri problemi. Baggio non l'ho affatto bocciato; non so se si potra' riparlarne tra un po' di tempo, perche' probabilmente sarebbe troppo vecchio".

Zeman allude alla prima fase della ricostruzione del Napoli, che prevede, come dice lui stesso, di "mettere le basi per tornare a contare" nel calcio di vertice. "Se arrivano rinforzi, meglio," prosegue Zeman, "ma altrimenti sono contento cosi', dei 25 giocatori che ho a disposizione. Se cercheremo continuamente di migliorare, otterremo buoni risultati.
La piazza di Napoli si aspetta molto? Spero saremo capaci di non deluderla. Partiamo da zero, come tutti, non sappiamo ancora dove possiamo arrivare".

E poi rivela, curiosamente, che l'insolito 3-5-2, messo in mostra dalla squadra nel torneo di Saint Vincent, non era programmato: "non lo conosco, ma l'ha fatto la squadra...".

Squadra che ha gia' capito perfettamente la base teorica della filosofia di Zeman, come testimonia Moriero: "Mi chiedete se mi sento attaccante o centrocampista, ma per Zeman non esistono gli attaccanti, sono solo giocatori che in quel momento attaccano. Come caratteristiche, sono un esterno di destra, ma so gia' che senza palla dovro' lavorare sempre per la squadra".

E fa un pensierino anche a un altro tecnico, agli antipodi di Zeman, quanto a idee tattiche, Giovanni Trapattoni: "So che mi stima e se continuo a migliorare, non sarebbe folle puntare anche alla nazionale".

Ma per ottenere questo, ironia della sorte, dovra' chiedere aiuto al boemo, che in comune con il citi' azzurro ha forse solo la grande passione per il calcio.


RaiSport

Copyright RaiSport
A cura di ...

Red. Internet RaiSport
Scrivi a RaiSport