2 Aprile 2001


archivio: CALCIO


Roma

Il segreto di Capello

Il tecnico giallorosso parla di una ''molla che scatta nell'intervallo''

img
intervista a Sensi
Real Video - 376769 bytes - download
intervista a Totti
Real Video - 374374 bytes - download
img
img
img
img
img
img
img
img

Roma, 2 aprile 2001

C'e' un segreto nello spogliatoio della Roma lanciata verso lo scudetto: lo rivela, ma solo in parte, Fabio Capello. E' "una molla che scatta" nell'intervallo delle partite, e che da' alla squadra "quel qualcosa in pił" nei secondi tempi. Senza le rimonte nella ripresa, la Roma avrebbe infatti 21 punti in meno: tanti infatti la squadra giallorossa ne ha conquistati nei secondi 45'.

"Personalmente, sono convinto che giochiamo bene anche il primo tempo - ha detto Capello - ma e' vero, nei secondi tempi ci scatta una molla, quel qualcosa in piu'. E a quel punto avendo giocatori di qualita', ci riescono grandi cose...". Di pił, il tecnico romanista non ha voluto dire, citando la classica immagine del "cuore oltre l'ostacolo" e limitandosi a raccontare cosa e' successo negli spogliatoi dell'Olimpico ieri, nell'intervallo dell'incontro con il Verona in vantaggio per 1-0. "Ci siamo parlati tranquillamente - la spiegazione di Capello - per rimediare agli errori: portavamo troppo la palla e la facevamo girare lentamente. Bisognava aumentare il ritmo e cercare di piu' le verticalizzazioni, e nella ripresa lo abbiamo fatto".

"Orgoglioso" dei punti conquistati finora, Capello ha legato le rimonte della Roma anche alla condizione fisica. Merito della preparazione estiva. "A inizio stagione - ha spiegato il tecnico - abbiamo avuto problemi ad entrare in forma, c'erano giocatori di ritorno dall'europeo e dalla Coppa America. Abbiamo svolto una buona preparazione, lasciando riposare i giocatori un mese: non abbiamo pensato ai risultati da subito, si e' rivelata una scelta giusta".

Ma il vero segreto, l'elisir della fuga giallorossa, per Capello sono state le vittorie in serie: "I risultati sono la cosa piu' importante nello sport, mi hanno aiutato a forgiare questa squadra". Usa proprio la parola 'forgiare', il tecnico, per indicare come la Roma sia costruita a sua immagine. e infatti il paragone e' con il Milan anno '93-'94, quello del +6 sulle seconde alla 24esima. "Quella squadra - ha spiegato - aveva una certa mentalita'. Veniva dai successi della gestione Sacchi, io dovevo solo ricompattare il gruppo e metterlo in campo in un certo modo. E l'ho fatto. Questa Roma invece la stiamo costruendo". Due giocatori su tutti, per il tecnico friulano, indicano la nuova mentalita' Roma: "Tommasi e' ragazzo di grande intelligenza e disponibilita'. Gli ho dato dei consigli, ma e' lui a seguirli: e' un indice di grande qualita', come calciatore e come uomo". Quanto a Cafu, Capello ne ha parlato come di un "uomo vero, importante per la Roma in campo ma anche fuori. Ho parlato con lui della situazione passaporti - ha aggiunto - e' sereno, convinto che tutto e' stato fatto in regola. La giustizia sportiva e' condotta da persone serie e preparate, accetteremo le decisioni che saranno prese".

Quel che invece Capello non riesce ad accettare e' lo spostamento di Fiorentina-Roma a lunedi' 9 aprile. "Non e' questione - ha detto l'allenatore - di essere penalizzati. Semplicemente, ho chiesto di sapere di qui alla fine quale sara' il nostro calendario. Abbiamo altre due trasferte a rischio, Napoli e Torino contro la Juve: si riuniscano, e ci facciano sapere quando le giocheremo. Non si puo' lavorare programmando settimana dopo settimana". Il posticipo di Firenze e' una "sconfitta del calcio, perche' significa che abbiamo paura e non sappiamo piu' gestire lo spettacolo. Il prefetto Serra ha avuto le sue ragioni per prendere quella decisione: ci sono agenti di pubblica sicurezza che rischiano di essere ingiustamente coinvolti in disordini. E ci sono i nostri tifosi e quelli viola: mi associo all'appello di Sensi perche' non si parta da Roma senza biglietto. Ma vorrei anche che il calcio tornasse alla normalita', e si parlasse di pallone piu' che di ordine pubblico".

il primo gol di Montella
Animazione MPEG - 415115 bytes
il secondo gol di Montella
Animazione MPEG - 695122 bytes
il gol di Batistuta
Animazione MPEG - 330539 bytes


RaiSport

Copyright © RaiSport
A cura di ...

Red. Internet RaiSport
Scrivi a RaiSport