15 Luglio 2001


archivio: CALCIO


Il raduno dell'Inter

Inter 2001-02

Vieri arriva prima di Ronaldo. Attaccatta la vettura dei giocatori turchi

img

Appiano Gentile, Como, 15 luglio 2001

Christian Vieri e' arrivato al raduno dell'Inter. Anche il bomber c'e', quindi, a spegnere gli ultimi dubbi sull'esito della sua vicenda tra Inter e Juventus.

Vieri e' arrivato in macchina assieme a Cristian Brocchi e Gigi Di Biagio. La macchina e' stata circondata dai tifosi che lo hanno applaudito, e hanno dato pacche robuste ma presumibilmente "affettuose" sul cofano della Mercedes classe A di colore blu con la quale Bobo e' arrivato. Da qualche tifoso perņ sono patiti insulti all'indirizzo dell'attaccante.

Subito dopo e' arrivato Ronaldo, e a questo punto c'č stato un vero tripudio. I tifosi lo hanno accolto con un'ovazione, inseguendo festosi la sua Bmw: il Fenomeno ha attraversato in auto la folla dando colpi di clackson, finche' ha oltrepassato la cancellata della Pinetina.

Vieri arriva alla Pinetina qualche minuto prima di Ronaldo e, memore delle sollecitazioni rivoltegli nei giorni scorsi dal brasiliano, gli dice: "Hai visto che alla fine ti ho dato retta e sono arrivato prima di te?". E il Fenomeno gli risponde: "Sei stato bravo. Adesso ti pago da bere".

Tra gli altri giocatori, tutti si sono presentati in anticipo o in perfetto orario, con le sole eccezioni dei francesi Moreau (terzo portiere 18enne, svincolato dal Nantes) e Dalmat, arrivati con leggero ritardo per problemi con le coincidenze aeree dalla Francia.

Hanno saltato il raduno, invece, Cordoba e Kallon, impegnati con le rispettive nazionali.

Se gli erano rimasti dubbi sulla scelta di rimanere in nerazzurro, Christian Vieri deve essersi definitivamente convinto questa sera che l'Inter non e' poi quell'inferno di cui aveva parlato tempo fa.

All'avvio del raduno alla Pinetina, infatti, oltre a ritrovarsi a fianco Ronaldo con il quale, se tutto funzionera' per il meglio, costituira' la super-coppia d'attacco, ha trovato un grande affetto dei tifosi.

Nonostante il bomber avesse esplicitamente detto di volere andare alla Juventus, che lo ha tanto e vanamente cercato, ora che la telenovela che ha animato il calciomercato si e' conclusa, i tifosi nerazzurri hanno gia' dimenticato. Vieri resta all'Inter e questo basta agli oltre 2.000 tifosi che hanno raggiunto il ritiro con ore d'anticipo per essere sicuri di poter vedere da vicino l'arrivo di tutti i giocatori. E Christian Vieri e' stato proprio uno dei piu' applauditi.

C'e' stata appena qualche contestazione al suo arrivo in macchina davanti ai cancelli della Pinetina, ma quando Vieri e' sceso in campo con il resto della squadra e' partito il solito caro che contraddistingue il suo ingresso in campo a San Siro: "Bobo gol, Bobo gol". Lui ha salutato agitando le mani e il coro si e' levato ancora piu' alto.

Il pubblico nerazzurro, sempre critico ed esigente con la squadra, dopo il brutto e contestatissimo campionato dello scorso anno ha dimostrato di credere alle scelte della societa' per questa nuova Inter. Un grande striscione e' stato appeso alla rete della tribunetta del campo d'allenamento: "Moratti - e' scritto - i presupposti sono buoni, ora i fatti". E i fatti, cioe' le vittorie, potrebbero anche arrivare perche' quest'anno c'e' Ronaldo pronto a rientrare dopo il lunghissimo infortunio. I tifosi sono certi che Ronaldo non manchera', e come ai bei tempi, appena lo hanno visto in campo, hanno intonato il coro: "Il Fenomeno, ce l'abbiamo noi...", come per dire che per gli altri sono dolori anche se la rima e' molto piu' 'colorita'.

Lui, il Fenomeno, ha risposto salutando e due ragazzi hanno scavalcato la rete per andare a regalargli delle sciarpette con i colori nerazzurri. Tanto affetto attorno a un campione sfortunato che ha sempre dimostrato senso di attaccamento alla maglia e che, anche in questi giorni, ha forse contribuito con le sue dichiarazioni a far rimanere Christian Vieri in nerazzurro.

Messo alle spalle il campionato della sconfitta per 6-0 con il Milan, dell'esonero di Lippi e dell'esclusione dalla Champions League, tra i tifosi e' nato un nuovo entusiasmo. Il nuovo allenatore Cuper e' stato applaudito da tutti, cosi' come Francesco Toldo e Sergio Conceicao, due dei nuovi acquisti. Grandi attestazioni d'affetto anche per lo squalificato Recoba.

Grande festa quindi alla Pinetina anche se all'arrivo dei giocatori c'e' stata un po' di tensione. A farne le spese Hakan Sukur e i due nuovi acquisti turchi Emre e Okan che erano in macchina con lui. Stretto nella morsa dei tifosi Sukur ha urtato con l'auto un ragazzo che e' rimasto incastrato tra la sua vettura e un'altra parcheggiata. Decine di tifosi hanno preso a calci la macchina insultando pesantemente i giocatori turchi. Tranne questo momento di tensione, che e' subito rientrato e che lo stesso Sukur ha ridimensionato piu' tardi con una dichiarazione al sito nerazzurro, il ritiro dell'Inter e' stato una festa.

Domani la presentazione ufficiale alla stampa, il primo allenamento, e prevedibilmente un tripudio ancora piu' grande.

Questi i quadri dell'Inter 2001-2002:

  • Presidente: Massimo Moratti. Vicepresidente: Giuseppe Prisco.Amministratore delegato: Rinaldo Ghelfi. Responsabile relazioni internazionali: Giacinto Facchetti.
  • Responsabile area tecnica: Gabriele Oriali. Direttore sportivo: Giuliano Terraneo. Team manager: Guido Susini.

  • Allenatore: Hector Raul Cuper. Vice allenatore: Roberto Mario Carlos Gomez. Allenatore portieri: Luciano Castellini. Preparatore atletico: Juan Manuel Alfano. Vice preparatore atletico: Claudio Gaudino. Preparatore fisico pesistico: Ennio Barigelli.
  • Responsabile medico: Franco Combi. Medici sociali Fabio Forloni e Alessandro Soldini. Preparazione fisica: Giannicola Bisciotti. Masso-fisioterapisti: Massimo e Marco Della Casa, Marco Morelli, Silvano Cotti e Nilton Petrone.

    E' di 35 giocatori la rosa dei convocati al raduno:

  • Portieri: Alberto Fontana (1967), Mathieu Moreau (83), Francesco Toldo (71).
  • Difensori: Laurent Blanc (65), Ivan Cordoba (76), Salvatore Fresi (73), Stefano Lombardi (76), Marco Materazzi (73), Luca Mezzano (77), Michele Serena (70), Dario Simic (75), Nelson Vivas (69).
  • Centrocampisti: Jonatan Binotto (75), Cristian Brocchi (76), Benoit Cauet (69), Sergio Conceicao (74), Stephane Dalmat (79), Luigi Di Biagio (71), Belozoglu Emre (80), Javier Farinos (78), Vratislav Gresko (77), Vladimir Jugovic (69), Buruk Okan (73), Sixto Peralta (79), Clarence Seedorf (76), Cristiano Zanetti (77), Javier Zanetti (73).
  • Attaccanti: Hakan Sukur (71), Mohammed Kallon (79), Antonio Pacheco (76), Alvaro Recoba , Anselmo Robbiati (70), Ronaldo (76), Nicola Ventola (78), Christian Vieri (73).

  • Il ritiro dell'Inter inizia formalmente domani e prevede allenamenti alla Pinetina fino al 18 luglio. Dal 19 luglio al 2 agosto la squadra sara' in ritiro a Bormio mentre dal 4 agosto riprenderanno gli allenamenti alla Pinetina.

  • Amichevoli programmate per l'estate:
    • 23 luglio: Inter-Bormiese a Bormio
    • 27 luglio: Inter-Rappresentativa Valtellina in localita' da definire
    • 31 luglio: Inter-Watford (a Lecco)
    • 3 agosto: Inter-Juventus-Lazio per il Trofeo birra Moretti a Bari
    • 9 agosto: Inter-Juventus-Milan per il Trofeo Tim a Trieste
    • 14 agosto: Real Madrid-Inter per il Trofeo Santiago Bernabeu a Madrid


RaiSport

Copyright © RaiSport
A cura di ...

Red. Internet RaiSport
Scrivi a RaiSport