10 Gennaio 2002


archivio: CALCIO


Juventus

Thuram: ''Non sono un terzino, ma...''

Il francese della Juve ha ormai accettato il nuovo ruolo ma precisa che resterà un centrale

img
img
intervista a Thuram
Real Video - 435074 bytes - download
img
img

Torino, 10 gennaio 2002

La squadra bianconera, reduce dalla bella vittoria in Coppa Italia con l'Atalanta, è scesa sul terreno del "Comunale" per preparare la trasferta di domenica a Venezia. Prima della seduta ha parlato al sito bianconero, il difensore Lilian Thuram: "La Juventus ha dimostrato di essere migliorata - ha detto - Ora sul campo si vede una squadra e non un insieme di campioni che non parlano la stessa lingua. Le critiche? Non bisogna prendersela, è normale che arrivino quando la squadra non esprime il gioco che ci si aspetta".

Thuram si è soffermato sulle sue iniziali difficoltà (questa estate è stato prelevato, insieme a Buffon, dal Parma): "Io ho dato tanto al calcio e fino a due settimane fa sono sceso in campo con l'intento di divertirmi. Quando sono arrivato alla Juve mi hanno messo a giocare a destra: è vero che è il ruolo che copro in nazionale, ma non è la mia posizione, io non sono un terzino, sono un centrale. A Natale la svolta: sono andato in vacanza con la mia famiglia, ho meditato a lungo e mi sono tranquillizzato. Ho deciso di cambiare atteggiamento e di non essere più arrabbiato per questo".

Alla fine Thuram continuerà ad ubbidire a Lippi che da qualche partita, dopo l'assenza per infortunio di Montero (9 dicembre guaio muscolare contro il Milan), lo ha dirottato in fascia mettendo centralmente Ferrara: "Prima scendevo in campo nervoso, ora il ruolo continua a non piacermi ma devo accettarlo. Prima di tutto viene il rispetto per me stesso e per i compagni. Chi cerca di convincermi dice che sono troppo bravo per giocare centrale. Ma in realtà ci sono cose che ti piacciono e cose che ti piacciono meno. Con questo non ho mai pensato di andare via. A Parma? Con Malesani era successo qualcosa di simile, poi anche lì avevo capito e mi ero adeguato. Comunque, nella Juve non solo l'unico che gioca in un ruolo non proprio suo: baste vedere Tudor o anche Birindelli in Coppa Italia".

Il mercato? "Muzzi è un grande attaccante ma io non faccio il dirigente. Gheddafi? Se ha scelto la Juve meglio per lui e per noi. Lo scudetto? La Roma è favorita".


RaiSport

Copyright © RaiSport
A cura di ...

Red. Internet RaiSport
Scrivi a RaiSport