WebRAISport News
Archivio: CANOAPubblicato il 1 Marzo 1998

Radiato Daniele Scarpa
Fatali le accuse di essere stato dopato a sua insaputa

img
img
img
img

1 marzo '98

Un farmaco proibito, il Liposom Norm, che gli sarebbe stato iniettato a sua insaputa prima dei mondiali di canoa del 1994 ed un controllo antidoping saltato nello stesso periodo: queste, in sintesi, le accuse che Daniele Scarpa aveva rivolto alla sua federazione in un' intervista del 3 novembre 1996. Subito la federazione italiana canoa-kayak aveva smentito l'atleta ed altrettanto avevano fatto il medico federale Gianni Mazzoni ed i compagni di nazionale dell'atleta veneziano. Il 14 novembre 1996 Daniele Scarpa aveva confermato le sue accuse davanti alla commissione di indagine del Coni sul doping, quindi aveva tenuto lo stesso atteggiamento davanti alla procura antidoping il 28 novembre. In quella occasione l'atleta aveva portato, come da lui stesso dichiarato, le sue cartelle cliniche del periodo compreso tra il 1992 ed il 1996, aveva parlato di mancanza generalizzata di controlli e di altre "cose inquietanti". La procura, pero', aveva successivamente deciso di archiviare le indagini aperte sulle dichiarazioni della medaglia d'oro olimpica. Il 18 gennaio 1997 il consiglio della Federcanoa aveva deciso, all' unanimita', di "investire gli organi della giustizia federale per le decisioni di loro competenza e di intraprendere nei confronti di Daniele Scarpa tutte le azioni legali a tutela dell' immagine federale". L'8 febbraio scorso la riunione della disciplinare della Federazione e la decisione di radiare Scarpa, comunicata al Coni, insieme al dispositivo della sentenza, ieri sera. Una decisione della quale il diretto interessato non e' stato ancora informato ufficialmente. "Ho avuto la notizia ieri a tarda sera e non ho avuto nemmeno il tempo di valutarla. Sono dispiaciuto. Debbo leggere le motivazioni del provvedimento per avere le idee piu' chiare". Un po' rammaricato e un po' sorpreso, cosi' appare il presidente del Coni Mario Pescante nel commentare la radiazione del canoista Scarpa. "Ho stigmatizzato all'epoca il comportamento dell'atleta che aveva ecceduto in protagonismo - aggiunge Pescante- ma negli ultimi tempi avevo notato che si era molto calmato. Era apparso soprattutto esemplare nel commentare la candidatura del Piemonte ai danni del veneto per le Olimpiadi invernali del 2006". "Non posso criticare la sentenza di un organo di giustizia - osserva ancora il Presidente del Coni - la giunta Coni non ha poteri di intervento in questi casi. Datemi il tempo di capire per poter fare ulteriori commenti". Daniele Scarpa e' nato il 3 gennaio 1964 a Venezia. Gareggia nel k2 500 e 1000 metri: ha partecipato a quattro Olimpiadi (Los Angeles 84, Seul 88, Barcellona 92, Atlanta 96) ottenendo l' oro nell' ultima edizione nel k2 1000 metri in coppia con Antonio Rossi. Ha vinto anche due medaglie d' oro ai Mondiali del 1995. Impegnato pure al di fuori dell' ambiente dello sport, Scarpa e' tra l' altro consigliere comunale (eletto nei Verdi) a Venezia, reponsabile dell' attivita' remiera per delega della giunta Cacciari.



Archivio News ----- Argomenti Autori Ultima ora Cerca
------------------------------
[ RAI Sport ] Copyright © 1996-97
RAI SPORT
SACIS International
Commenti e Suggerimenti a:
raitgs@tin.it
Realizzato da NetLine
[ SACIS ]