19 Marzo 2002


archivio: AUTO - F1


Dopo il GP della Malesia

La sfida di Montoya

Polemiche per l'incidente al via. Il colombiano stuzzica Schumacher ricordando il sorpasso dello scorso anno

img
img
img
img
img
img
img
img
img
img
Il servizio
Real Video - 581387 bytes - download

Sepang, Malesia, 18 marzo 2002

25 anni fa moriva, in un incidente aereo, Jose' Carlos Pace, il capostipite di una generazione formidabile di piloti brasiliani a cui e' intitolato il circuito di Interlagos, prossima tappa del mondiale di Formula 1, dopo le gare di Melbourne e Sepang che hanno acceso il duello tra Williams e Ferrari, e sancito i problemi della McLaren.

Nel triste anniversario, che ricorda altre epoche, altre sfide, nel circuito intitolato al pilota che si distinse nel mondiale marche e in F1 (con March Ford, Surtees Ford, Brabham Ford, Brabham Alfa) si riaccende il duello tra Juan Pablo Montoya e Michael Schumacher, che dopo l'incidente al via del GP di Malesia resta sotto i riflettori, anche se tra i due si e' inserito il terzo incomodo, Ralf Schumacher.

A lanciare la sfida e' Montoya, che anche ieri ha confermato la sua fama da "guapo", attaccando Schumacher per la collisione e contestando i giudici di gara per la penalita' che gli hanno inflitto: "Si', ricordo la gara in Brasile, un anno fa. A un certo punto mi sono trovato Michael al mio fianco. L'ho guardato e l'ho superato", dice facendo con la mano il gesto di andare via. Il confronto diretto nei sorpassi, infatti, e' di 4-2 a favore del colombiano. Segno di temperamento, di abilita'. A San Paolo, dove fara' ancora molto caldo, le gomme Michelin daranno altro valore aggiunto alla formidabile accoppiata Williams-Bmw. Schumacher, che nei giorni scorsi aveva replicato stizzito ("Montoya? non mi interessa") sa che dovra' fare a lungo i conti con lui, oltre che con il fratellino che silente intanto si e' preso la quarta vittoria in carriera, contro una sola del colombiano.

"La doppietta Williams (la prima dopo cinque anni, la prima in accoppiata con la BMW, ndr) non cambia le nostre strategie. non credo che possa influire sulla decisione di anticipare o meno il debutto sulla F2002. Dobbiamo farla esordire se e' affidabile, senno' non ha senso. Comunque e' vero che la Williams e' l'avversaria piu' forte. Ma non dobbiamo dare per persa la McLaren". La collisione al via di Sepang con Montoya cambiera' il suo atteggiamento? "Assolutamente no. Comunque andiamo la' per fare punti. In fondo sono ancora primo. O no?".

L'altro Schumacher intanto gongola per la vittoria: "Adesso c'e' il Brasile - dice Ralf - spero davvero che a Interlagos faccia molto, molto caldo. Posso andare sul podio anche la'". Il Carlos Pace e' il circuito di Rubens Barrichello: "Dopo due GP sono a zero punti. Non posso essere contento. Sogno una vittoria. Vincere davanti al pubblico di casa sarebbe davvero speciale. Ma non penso che la rottura di due propulsori in Malesia debba condizionare la scelta sulla macchina da portare. Da domani a Barcellona lavoriamo per verificare l'affidabilita' della F2002. Solo in quel caso la porteremo in Brasile".


RaiSport

Copyright RaiSport
A cura di ...

Red. Internet RaiSport
Scrivi a RaiSport