Archivio: GINNASTICA
torna alla home page RAISport
Pubblicato il 11 Ottobre 1999
Dopo i Mondiali

Nessun azzurro a Sydney

Chechi pensa al ripescaggio

img

11 ottobre 1999

Ad Atlanta '96 conquisto' un oro storico, a Sydney 2000 la sua partecipazione e' appesa ad un filo. L'eliminazione della squadra azzurra ai mondiali di ginnastica artistica a Tianjin, allontana anche per Jury Chechi la possibilita' di tornare a volteggiare sulla pedana olimpica.

In realta' l'Italia avrebbe ancora l'opportunita' di due pass individuali, ma se il presidente federale Bruno Grandi manterra' fede ai propositi premondiali per il re degli anelli non ci sarebbe posto, dopo il suo forfait in Cina. Comunque l'ultima parola per la formazione della squadra olimpica spetta al CONI.

"Se c'e' la volonta' di ipotizzare una mia partecipazione alle olimpiadi allora il mio impegno e' certo - ha commentato Jury Chechi - se la federazione decidera' altrimenti per farmi scontare il fatto di non essere andato ai mondiali, pensero' a fare qualcos'altro". Non pensa quindi ancora al definitivo ritiro dalle scene il campione olimpico che prende tempo, in attesa di conoscere decisioni e strategie federali. "Dalle dichiarazioni rilasciate da Grandi prima dei mondiali non dovrei andare a Sydney - ha continuato Chechi - ma sono scelte che faremo piu' avanti".

Sulla prova degli azzurri, che Chechi ha seguito solo via internet, il giudizio e' senza riserve: "il fatto che l'Italia non avra' la sua squadra a Sydney e' grave". "E' un fatto grave - ha aggiunto -perche' l'Italia era sempre andata bene (la squadra azzurra, dal 1912, era mancata ai Giochi solo nel '76, nell'80 e nell'84)". Molte le responsabilita', secondo l'olimpionico, di Roberto Galli. "Ha fatto una brutta gara, a parte gli anelli - ha detto ancora Chechi -. E' mancato il suo apporto, doveva essere il leader della squadra. Evidentemente ha avuto qualche problema".

Intanto il presidente federale Bruno Grandi, al telefono da Tianjin, non nasconde la sua amarezza: "e' stata una delusione, la squadra ha reso meno di quanto ci aspettassimo. Devo comunque riconoscere - ha aggiunto - che anche se ci fosse stato Chechi le cose non sarebbero andate diversamente. Alle parallele e alla sbarra siamo letteralmente crollati. Male anche il corpo libero".

"Dobbiamo accontentarci del risultato delle ragazze - ha concluso Grandi. Che e' anche presidente della federazione mondiale . Abbiamo centrato due qualificazioni su tre. L'unico rimpianto e' per Chechi, se fosse venuto sarebbe andato sicuramente a medaglia, non so se oro, ma sicuramente il podio".


RaiSport

archivio news argomenti autori ultima ora cerca
RAISport Copyright 1996-99 RAISPORT
Per la pubblicità...
Redazione Internet RaiSport
Commenti a RAI@Sport
RAI