Archivio: HOCKEY SU GHIACCIO
torna alla home page RAISport
Pubblicato il 16 Aprile 1999
National Hockey League

Non e' ufficiale, pero'...

Gretzky ammette di pensare al ritiro. La decisione entro domenica

img
img
img
img
Il servizio
Real Video - 218163 bytes - download

Kanata, Ontario, Canada, 16 aprile 1999

Dopo aver ricevuto chiarissime indicazioni sul suo imminente ritiro, il mondo dell'Hockey ha atteso fino a oggi per sentire dalla bocca di Wayne Gretzky che la sua carriera e' alla fine. Il campione giochera' la sua ultima partita domenica prossima.

Trattenendo le lacrime e lottando evidentemente per controllare l'emozione, il piu' grande marcatore della National Hockey League, in un'attesissima conferenza stampa, ha detto che la sua decisione non e' ancora definitiva.
"Tutto mi indica chiaramente questa via," ha detto Gretzky dopo aver contruibuito al pareggio dei New York Ranger per 2 a 2 contro gli Ottawa Senators, candidati alla vittoria della Stanley Cup.
"Sono sereno riguardo a questa scelta".

Gretzky si e' interrotto spesso mentre cercava di esprimere quanto sia difficile pattinare fuori dal campo per entrare nei libri di storia.
"Non e' una decisione improvvisa," ha detto, confermando le voci che giravano gia' da tempo, mentre i Rangers, ormai fuori dei playoff, si avviano all'ultimo incontro della stagione contro i Pittsburgh Penguins a New York. " Ci ho pensato per molto tempo, ma non volevo danneggiare la mia squadra durante la corsa ai playoff".

Gretzky non ha mai pronunciato la parola "ritiro" per tutti e 45 i minuti della conferenza stampa, ma tutto fa pensare che con la fine della stagione finira' anche la carrira del campione. "A meno che non accada un miracolo tra qui e sabato lo rendero' ufficiale," ha detto. "Al momento non lo e' ancora, Non e' ufficiale a 99 percento. Quando avro' deciso lo sara' al cento percento". Detto questo, alla conferenza e' suonato un telefonino e, finalmente ridendo, il campione ha esclamato "digli che non ho ancora deciso!".

Se giovedi' e' stata l'ultima partita in Canada di Gretzky e' gia' stata una specie di festa di addio. E i 18,449 fan tanto fortunati da accaparrarsi un biglietto per la partita contro i Senators possono testimoniarlo.
A 4:43 dalla fine dell'incontro, con le squadre sul 2 pari, i tifosi hanno cominciato a cantare durante un time out "One more year," "un anno ancora".
Gretzky ha alzato il bastone e ha salutato la folla.
"Ricordo quando a sedici anni giocavo per 21 dollari a settimana" ha detto il campione . "Anche allora i tifosi di Ottawa mi applaudirono".

Gretzky, tormentato dagli infortuni questa stagione, ha ammesso: "non sono piu' il Gretzky del 1988 . Sento che posso ancora fare la mia parte, ma la stagione e' fatta da 82 partite durissime, si gioca ogni sera. Penso agli 82 incontri del prossimo anno, non se ne parla".

Il sito ufficiale dell'NHL.com


Redazione

archivio news argomenti autori ultima ora cerca
RAISport Copyright 1996-99 RAISPORT
A cura di...
Redazione Internet RaiSport
Commenti a RAI@Sport
RAI