28 Marzo 2002


archivio: CALCIO - NAZIONALE


Inghilterra-Italia 1-2

Italia da finale

Trapattoni soddisfatto della prova degli azzurri in Inghilterra al di là del risultato

img
Montella
img
Gattuso e Montella
img
Trapattoni in allenamento
intervista a Giovanni Trapattoni
Real Video - 9625055 bytes - download
img
img

Leeds, 28 marzo 2002

Giovanni Trapattoni ringrazia Vincenzo Montella protagonista della serata per gol e assist sul rigore, e cerca di dare l'esatta dimensione alla prestazione azzurra al di là della vittoria. "Dico alt all'ottimismo, perche' non abbiamo ancora fatto nulla - afferma il ct della nazionale a fine partita - peṛ cercavo delle risposte, e le ho avute". Ovvero che questa e' un'"Italia da finale".

"Con tutto il rispetto per quelli che hanno giocato nel secondo tempo - prosegue Trap - la partita che mi interessava era quella dei primi 45', e li' sono soddifatto. Avevo detto che questo era il vero primo test da mondiale, per dare la nostra reale dimensione e capire quel che la qualificazione nel girone europeo non aveva potuto dirmi". Insomma, l'Italia c'e'. Ben oltre il 2-1.

"Io alla guida dell'Inghilterra? Andiamo piano", precisa il ct alla provocazione lanciata da un telecronista britannico. "Loro nel secondo tempo hanno fatto 9 cambi, e tutto sommato il pari sarebbe stato piu' giusto. Ma non e' solo dal successo che traggo le mie indicazioni". E allora, eccoli i motivi per essere un po' piu' fiducioso: "Lo diceva Boniperti: non si puo' venire in Inghilterra a giocare partite facili. E invece abbiamo dimostrato quanto valiamo sul piano caratteriale e tattico: non fosse stato cosi', ci avrebbero messo sotto e la sconfitta sarebbe stata certa". Poi, c'e' l'esperimento del 4-4-1-1: "Era da tempo che lo cercavo, questa sera ci e' riuscito. Soddisfatto? Si', perche' i ragazzi hanno giocato nel loro ruolo ma con una impostazione diversa: gli inglesi sono sempre impegnativi sul piano tattico per il nostro calcio, questa volta siamo stati alla pari".

Cosi', la terza vittoria nella storia azzurra in terra inglese sembra essere una risposta alla crisi italiana nelle coppe. "Non parlerei di riscatto - dice Trapattoni - pero' la partita di questa sera dimostra che il nostro calcio e' vivo. E la vera dimensione non era quella delle eliminazioni dalla Champions".

Il commissario tecnico si sbilancia per una volta sui singoli: "A Panucci, Di Biagio e Zanetti do' mezzo voto in piu' degli altri. A parte Montella, che questa sera e' stato super". Garanzie per il mondiale, pero', Trap non ne regala. Anche se e' chiaro che con questa serata l'Aeroplanino ha definitivamente lanciato la volata per un posto in Giappone. "Lui e' uno di quei giocatori che io chiamo gioia e dolore: capace di inventare un gran gol come stasera, per non parlare dell'assist per il rigore, e poi pero' di giocare anche partite come quella di domenica sera. In ogni caso, questa volta ha dato una vibrante scossa alla squadra".

Altra nota positiva, Maccarone: all'esordiente azzurro Trap riserva la sua battuta da blob. Il suo e' stato un colpo di genio? Chiede qualcuno. "Si', anche se altri lo definirebbero un colpo di qualcosa altro. Ma entrare cosi' e mostrare quella sicurezza e'un buon segno". Assolto invece Nesta: "Il suo errore? E' inciampato, non lo drammatizzo".

img
Maccarone
img
Nesta


Carlo Paris

Copyright © RaiSport
A cura di ...

Red. Internet RaiSport
Scrivi a RaiSport