29 Gennaio 2002


archivio: PUGILATO


Per la sfida contro Lewis

Tyson lotta per la licenza

Il pugile davanti alla commissione sportiva del Nevada per riavere l'autorizzazione a combattere

img
img

Las Vegas, USA, 29 gennaio 2002

Stavolta non pota' contare sull'appoggio di Muhammad Ali' e Magic Johnson: Mike Tyson dovra' farcela da solo a convincere la Commissione Atletica del Nevada a restituirgli la licenza pugilistica. Indispensabile per sfidare il campione mondiale dei massimi Lennox Lewis il prossimo 6 aprile, all'Mgm Grand Hotel di Las Vegas. Ma il pugile americano dovra' non solo spiegare il suo comportamento durante la conferenza stampa di New York, quando ha aggredito il suo avversario, ma anche una serie di "incidenti" che lo hanno coinvolto, dall'Inghilterra alla Cina.

"Dobbiamo regolare e proteggere l'integrita' della boxe", ha detto il commissario John Bailey, un avvocato di Las Vegas. "Credo che chiederemo spiegazioni su quanto accaduto negli ultimi due o tre anni, da quando ha ottenuto la licenza". Tyson non combatte in Nevada dal 1999, quando le autorita' pugilistiche gli ritirarono la licenza. Ora vuole ritornare. E le autorita' sono di fronte a un dilemma: non restituire la licenza a Tyson, infatti, significherebbe rinunciare a un affare da milioni di dollari, che farebbero assai comodo alla dissestata economia locale.

Se Tyson vincera' affrontera' Lewis il 6 aprile. Altrimenti l'incontro sara' annullato oppure trasferito in uno stato piu' tollerante nei confronti del pugile. Il campione dei massimi spera che l'incontro si faccia. "Voglio - ha detto Lewis al Sun - che la sfida ci sia. Sarebbe un peccato non farla, perche' il pubblico la vuole. L'aspetto dai combattimenti con Evander Holyfield".


RaiSport

Copyright RaiSport
A cura di ...

Red. Internet RaiSport
Scrivi a RaiSport