7 Marzo 2002


archivio: SCI


Coppa del Mondo / SuperG

Fattori 3 nell'ultimo SuperG

L'italiano battuto da Cuche e Strobl. Eberharter quarto vince anche questa coppa

img
img

Flachau, Austria, 7 marzo 2002

Lo svizzero Didier Cuche ha vinto l'ultimo supergigante della stagione ma questo non gli e' bastato a colmare il distacco che aveva dall'austriaco Stephan Eberharter che ha cosi' vinto anche questa coppa dopo quella generale e quella di discesa.
Cuche ha fermato i cronometri su 1.25.53 precedendo l'austriaco Fritz Strobl (1.25.88) mentre l'azzurro Alessandro Fattori (1.26.14) ha ottenuto un eccellente terzo posto.

Era arrivato secondo a Kitzbuehel, ha poi vinto in Norvegia a Kvitfjell domenica scorsa ed e' salito sul podio al terzo posto oggi nella gara conclusiva della stagione: in mezzo per l'azzurro Alessandro Fattori c'e' il buco nero del supergigante olimpico a far aumentare la rabbia per quella fondamentale gara sbagliata da lui e da tutti i suoi compagni di squadra.

Oggi alle finali austriache il parmigiano e' stato ancora una volta l'uomo da battere. Ce l'ha fatta lo svizzero Didier Cuche, che ha mostrato una grinta mostruosa alla partenza - e' la prima vittoria elvetica dopo dieci anni in questa disciplina in cui i dominatori assoluti sono gli austriaci. Dieci anni fa, a Morioka, in Giappone, vinse Paul Accola, veterano di coppa che ancora si cimenta con onore.

Poi Fattori e' stato battuto da Fritz Strobl, ma l'azzurro e' stato comunque in grado di buttare giu' dal podio nientemeno che il super asso Stephan Eberharter al quale tuttavia e' andata la coppa di specialita' dopo quella generale e quella di discesa. A Fattori, mentre Ghedina ha sbagliato completamente gara, e' andato poi il quarto posto assoluto nella classifica di supergigante. Il che non e' davvero male. "E aumenta il rimpianto per il fallimento di Salt Lake City", ha commentato l'azzurro comunque soddisfatto della sua stagione.

Oltre a Fattori e Ghedina, e questo e' un buon viatico per il futuro, oggi e' sceso in pista anche il giovane ventenne altoatesino Peter Fill. E' il fresco campione mondiale juniores di supergigante e come tale in questa prova finale ha avuto diritto a gareggiare con i migliori 25 del mondo. Lui non si e' certo fatto pregare ed ha realizzato un eccellente 12 posto. il che significa che l'allenatore Alberto Ghidoni e il ct Gustav Thoeni hanno giovane materiale umano su cui lavorare per continuare a far crescere la squadra dei velocisti azzurri.

Domani le finali austriache osservano una giornata di riposo. si riprende venerdi' con il gigante e Massimiliano Blardone in gara alla ricerca, finalmente, almeno del primo podio della sua carriera.


1, Didier Cuche, Svizzera, 1 minuto et 25.53 secondi. 
2, Fritz Strobl, Austria, 1:25.88. 
3, Alessandro Fattori, Italia, 1:26.14. 
4, Stephan Eberharter, Austria, 1:26.54. 
5, Hans Knauss, Austria, 1:26.72. 
6, Didier Defago, Svizzera,1:26.84. 
7, Kjetil Andre Aamodt, Norvegia, 1:26.92. 
8, Christoph Gruber,Austria, 1:27.13. 
9, Tobias Gruenenfelder,  Svizzera, 1:27.57. 
10, Andreas Schifferer, Austria, e Ambrosi Hoffmann, Svizzera, 1:27.65. 
12, Peter Fill, Italia, 1:27.69. 
13, Lasse Kjus,  Norvegia, 1:27.70. 
14, Paul Accola, Svizzera, 1:27.73. 
15, Patrik Jaerbyn, Svezia, 1:27.92. 
16, Daron Rahlves, USA, 1:27.95. 
17, Stephan Goergl, Austria, 1:28.00. 
18, Marco Buechel, Liechtenstein, 1:28.02. 
19, Fredrik Nyberg, Svezia, 1:28.16. 
20, Christian Greber, Austria, 1:28.18.


RaiSport

Copyright RaiSport
A cura di ...

Red. Internet RaiSport
Scrivi a RaiSport