Archivio: TENNIS
torna alla home page RAISport
Pubblicato il 13 Maggio 1999
Internazionali d'Italia

Missione fallita

Kuerten batte Kafelnikov e il Foro perde un altro nº1. Fuori anche Gaudenzi

img
img
img
img
img

Roma, 13 maggio 1999

Il premio del migliore del mondo "scotta" nelle mani di Kafelnikov. Il trofeo, disegnato da un artista italiano, viene consegnato al russo prima del match con Kuerten. Lo 'Zar' ringrazia, poi pero' sul campo il migliore non e' lui ma il brasiliano, che gli rifila un 7-5 6-1 a ritmo di samba. Finisce cosi', dopo Sampras, anche l'avventura romana di Kafelnikov, campione triste che sembra capitato sulla vetta del ranking mondiale quasi per caso. "Ma il mio scopo e' restare n. 1 il piu' a lungo possibile - dice -, magari essere il primo n.1 del duemila, e festeggiare a fine anno con la mia famiglia. E' una sensazione eccitante e meravigliosa". Sfortunato Kafelnikov a trovare sulla sua strada un avversario piu' in forma di lui, d'altronde si sapeva che non era al top della condizione fisica ("ho dieci giorni prima di Parigi - spiega -, penso siano sufficienti per rimettermi").

Kuerten ha vinto Montecarlo, sembra tornato in tiro come quello che due anni fa trionfo' al Roland Garros. Il brasiliano a Roma finora non ha lasciato neanche un set. Nel primo set Kafelnikov ha avuto due palle-break, non le ha sfruttate ed e' stato punito. "Ho meritato di vincere per come ho controllato la partita - dice Kuerten - mi ha stimolato giocare con Kafelnikov. Per me non e' proprio il migliore in assoluto. Ma sta giocando bene e merita la posizione che ha".

Ma l'australiano Patrick Rafter, che ha guadagnato le qualificazioni ai quarti di finale eliminando lo statunitense Andre' Agassi per 6-1, 7-6 (7-4), ha la possibilita' di chiudere il torneo romano conquistando anche il primo posto della classifica mondiale. "Sono molto soddisfatto perche' ho ritrovato la mia forma migliore. Avrei preferito vincere subito il secondo set, ma anche al tie break va benissimo. Era molto tempo che non giocavo cosi', anzi non mi ricordo nemmeno da quanto succedeva in piu' non mi sono mai trovato di poter essere il numero uno del mondo della classifica Atp alla fine di un torneo. La strada pero' e' ancora lunga, l'incontro con Lapentti sara' molto difficile perche' lui e' davvero in forma".

Finisce contro David Prinosil, n.80 ATP, la corsa di Andrea Gaudenzi. Il faentino si arrende 7-5 6-3 contro un giocatore non quotatissimo, ma capace di giocarsi bene le occasioni giuste. Decide tutto il primo set. Gaudenzi non sfrutta quattro palle break nel primo set sul 5-5 e gioca malissimo il game successivo. Il set vinto dà fiducia al tedesco, proveniente dalle qualificazioni, che con un altro break all' ottavo gioco si lancia nei quarti di finale dove affronta Mantilla. Gaudenzi manca così una grande chance. Durata 1h30'.

Intanto si sa gia' che faranno la fila invano gli appassionati della racchetta che sabato e domenica vorranno assistere agli incontri conclusivi dei 56mi Internazionali di tennis. I tagliandi a disposizione per i giornalieri di semifinali e finale sono pochissimi, come conferma la responsabile della biglietteria del Foro Italico, Patrizia Maggioli. Ma sul numero preciso e' mistero. A parte i fortunati che sono riusciti ad agguantare i biglietti messi in pre-vendita lo scorso 5 maggio, gli altri rimarranno a bocca asciutta o andranno a rimpinguare le tasche dei bagarini, sempre piu' attivi all' esterno degli impianti. Per loro si profilano affari d'oro. Frattanto pero' sette persone sono state multate oggi per bagarinaggio dai Carabinieri della compagnia Trionfale che le hanno sorprese a vendere alcuni biglietti degli Internazionali ad un prezzo cinque volte superiore a quello ufficiale. I bagarini vendevano a 150.000 lire tagliandi che al botteghino costavano 30.000 lire. Dall'inizio degli Open d'Italia i Carabinieri hanno fermato e multato per bagarinaggio una ventina di persone.

I risultati di oggi


Alex Corretja (Spa/3) b. Fabrice Santoro (Fra) 7-6 (7/1) 1-6 6-1
Nicolas Lapentti (Ecu) b. Nicolas Kiefer (Ger) 3-6 7-6 (7/3) 6-3
Felix Mantilla (Spa/15) b. Fernando Meligeni (Bra) 6-2 6-3    
Gustavo Kuerten (Bra/16) b. Yevgeny Kafelnikov (Rus/1) 7-5 6-1
Franco Squillari (Arg) b. Carlos Moya (Spa/6) 6-3 7-5
Patrick Rafter (Aus/4) b. Andre Agassi (Usa/14) 6-1 7-6 (7/4)
David Prinosil (Ger) b. Andrea Gaudenzi (Ita) 7-5 6-3


RaiSport

archivio news argomenti autori ultima ora cerca
RAISport Copyright © 1996-99 RAISPORT
A cura di...
Redazione Internet RaiSport
Commenti a RAI@Sport
RAI