9 Aprile 2002


archivio: TENNIS


Torneo di Amelia Island

Campo troppo corto

Troppi doppi falli e la protesta di due giocatrici fa scoprire l'errore degli organizzatori

img
Anne Kremer
img
Anne Kremer
img
Jennifer Hopkins

Amelia Island (Usa), 9 aprile 2002

Clamorosa gaffe degli organizzatori del torneo di Amelia Island. Grazie alle proteste di due giocatrici la Wta ha scoperto che un campo era più corto di quello che doveva essere. Colpa di chi aveva tracciato le linee del rettangolo di gioco, che per errore aveva avvicinato di un metro le strisce di battuta rispetto alla rete.

Tutto è nato dalle difficoltà al servizio della lussemburghese Anne Kremer e della statunitense Jennifer Hopkins. Tanto che nella loro partita del primo turno le due hanno commesso la bellezza 29 doppi falli. Insospettite da tanta inusuale fallosità le giocatrici hanno voluto vederci chiaro e cosi' si sono rivolte alla Wta, nel cui circuito rientra il torneo della Florida. Da qui è venuta fuori la causa di tutto.

"Ho fatto un guaio - ha ammesso il responsabile del servizio di manutenzione dei campi, Bert Evatt - faccio le linee su questi campi da 22 anni. Ho fatto queste cose centinaia e centinaia di volte e non ho mai fatto un casino del genere".

L'incidente comunque non ha avuto conseguenze, almeno sul piano del risultato sportivo: la vittoria della Kremer (5-7, 6-4, 6-2) è stata confermata. E questo perché, ha spiegato la Wta, un'eventuale segnalazione avrebbe dovuto essere fatta al giudice di sedia, e da questi al giudice arbitro, prima dell'incontro. Cosi' non è stato, per cui "il giudice arbitro ha ritenuto il campo praticabile, e il giudice arbitro si è rimesso a quella indicazione".

A scanso di equivoci, però, il campo è stato ridisegnato, questa volta con le misure regolamentari, prima che fosse giocato un altro incontro.


Redazione

Copyright © RaiSport
A cura di ...

Red. Internet RaiSport
Scrivi a RaiSport