Archivio: TIRO A SEGNO
torna alla home page RAISport
Pubblicato il 30 Maggio 1999

La Coppa del Mondo

img
img
img
img
img
Servizio + intervista a Fait e Di Donna
Real Video - 449424 bytes - download
img

Milano, 30 maggio 1999

Il tiro a segno azzurro chiude la tappa di Coppa del Mondo a Milano con un'impresa firmata Vigilio Fait, 37enne di rovereto, metalmeccanico che ha cominciato a tirare per hobby e ancora oggi pratica lo sport nei ritagli di tempo. "Ma e' un hobby che comincia a riuscirmi proprio bene" ha commentato dopo la vittoria nella pistola libera, che gli vale un'altra carta olimpica. Solo un piazzamento, appena giu' dal podio, quarto, per Roberto di donna, che tre giorni fa si era aggiudicato la prova di pistola a 10 metri. Gara tutta nel segno degli italiani con un di donna travolgente all'inizio, su medie da record mondiale. Poi all' improvviso il finanziere si inceppa: o meglio, lo fa la sua pistola, una vecchia Toz, russa. E se ne vanno punti importanti. Invece Fait ha una eccellente progressione che lo pone davanti a tutti. Dai 'magnifici otto' per la finale esce a sorpresa Wang. La finale rivela un Fait inarrestabile (il 666,3 conclusivo e' suo record). Chiude lasciando il cinese Tan a oltre 6 punti. Di donna invece ha una finale tutta in salita, quarto, preceduto dall'ungherese Papanitz. "Non sono contento di me - ha detto il finanziere -, accuso un po' di stanchezza. Sono contento, invece, per Vigilio, se lo meritava". Nelle altre gare vittorie del bielorusso Klimenko (carabina tre posizioni, 31 De Nicolo) e del tedesco Kunzer (bersaglio mobile, 17 Colombo e 39 Esposito).


RaiSport

archivio news argomenti autori ultima ora cerca
RAISport Copyright 1996-99 RAISPORT
A cura di...
Redazione Internet RaiSport
Commenti a RAI@Sport
RAI