28 Dicembre 2001


archivio: VELA


La Sydney-Hobart

Un tornado costringe al ritiro undici imbarcazioni nella competizione piu' dura

img
img
img
img
img
La tromba d'aria sulla Sydney-Hobart
Real Video - 434718 bytes - download
Speciale: un anno di grande vela
Real Video - 1932710 bytes - download
img
img

Sydney, 28 dicembre

Anche quest'anno la regata d'altura a handicap piu' famosa dell'emisfero australe e' partita dalla baia di Sydney per affrontare le 627 miglia che la separano dalla Tasmania. La Sydney-Hobart, giunta alla sua 57 edizione e'una delle competizioni velistiche piu' dure. Ha rischiato addirittura di scomparire dopo che nel 1998 visse uno di suoi momenti piu' tragici. Quell'anno a causa di una tempesta morirono sei velisti, molti yacht vennero danneggiati gravemente, 12 affondarono, oltre 50 persone vennero salvate grazie all'intervento degli elicotteri e la maggior parte dei concorrenti fu costretta ad abbandonare la gara. La voglia di esserci, pero' e' ancora troppo forte per tutti quei velisti che ieri erano li' pronti ad affrontare l'imprevedibile ma che difficilmente riuscirranno a tagliare la linea d'arrivo in meno di un giorno 19 ore, 48 minuti e due secondi record stabilito 2 anni fa dallo scafo danese-australiano Nokia. Gli esperti hanno infatti previsto molto vento per le prima parte del percorso, un tempo per nulla amico che in serata ha dato i suoi primi segnali proprio ai favoriti di Nicorette, yacht vincitore della scorsa edizione.

Un tornado, una tromba d'aria lontana nelle immagini ma che presto e' diventata vicinissima si e' formata nelle acque australiane e nulla hanno potuto i 23 esperti membri dell'equipaggio per evitarla o contrastarla. Ludde Ingvall skipper dello scafo svedese gia' sopravvissuto a numerose avventure intorno al mondo, ha ammesso di aver temuto per la sua vita, di essersi sentito risucchiato dall'aria, di non sapere come sarebbe finita. Ci sono volute sei ore di lavoro per riparere i danni e contemporaneamente restare in corsa. L'intenzione rimane la stessa arrivare a Hobart per primi, come nel 2000.


RaiSport

Copyright RaiSport
A cura di ...

Red. Internet RaiSport
Scrivi a RaiSport